Belgio: “Bravoure”

Di Silvia Berselli  •  Gen 28, 2018 at 10:10pm  •  Biennale 2016, I padiglioni Nazionali

Belgio: “Bravoure”

 

VENEZIA. Uno studio di progettazione, un bureau di architettura degli interni e un fotografo/artista presentano il contributo belga alla Biennale 2016, realizzato sotto la direzione del Flanders Architecture Institute che assume questo ruolo ogni quattro anni in alternanza con le istituzioni della comunità francofona. Architecten De Vylder Vinck Taillieu, Doorzon Interieur Architecten e Filip Dujardin formano il collettivo Bravoure (Bravura), che si propone di indagare “il significato dell’artigianato in un periodo di regressione economica” in quanto, secondo i curatori, “la scarsità di mezzi richiede un alto livello di precisione”.

All’interno del padiglione sono esposti tredici frammenti, riprodotti alla scala reale, di altrettanti progetti significativi concepiti da tredici architetti fiamminghi selezionati dai curatori. Attorno ad ogni brano i curatori costruiscono un trittico composto dall’elemento materico, dall’architettura di provenienza e da una fotografia. Un pilastro, un tubo, un nodo metallico, un pannello di tamponamento: perso il contatto fisico con il contesto architettonico di provenienza, anche i più semplici elementi del progetto possono assumere il valore scultoreo di ready-made duchampiani.

Il dialogo a tre voci compone in alcuni momenti un accordo consonante estremamente poetico, anche grazie a un allestimento che non teme i silenzi e privilegia la permeabilità visiva. La semplicità espositiva chiarifica i presupposti curatoriali, evitando di cadere in un esercizio concettuale. Questi fragments sembrano acquisire una nuova dimensione, senza arrivare a diventare elements, né fundamentals – e il riferimento alla passata kermesse veneziana, diretta da Koolhaas, è d’obbligo – e riportano in primo piano il tema della qualità, anche in assenza di grandi mezzi economici.

Tra le attività proposte all’interno del padiglione, spiccano le presentazioni di libri: diverse pubblicazioni monografiche dedicate al ricco panorama delle più recenti realizzazioni fiamminghe.

 

 

Commissario: Christoph Grafe, Director Flanders Architecture Institute Curatore: bravoure architecten de vylder vinck taillieu-doorzon interieur architecten- filip dujardin Sede: Giardini

Related Posts

Declina la frontiera come spazio metafisico al Padiglione argentino all’Arsenale, che forse il...

La riflessione australiana, cosi come il suo tema centrale, potrà sembrare leggera e lo stratagemma...

Offrire un riparo, allestire spazi di vita decorosi e creare i presupposti per una buona convivenza...

Leave a Reply