Grecia

The School of Athens: spazi di circolazione all’interno dei luoghi per l’insegnamento

 

I freespace sono i percorsi e comunque tutto ciò che non è aula all’interno degli edifici accademici: spazi comuni e di passaggio, ambienti non definiti da un uso preciso, ma che sono visti come spazi di relazione. Per i curatori si tratta di spazi informali, “in-between”, che caratterizzano e storicamente hanno caratterizzato gli spazi educativi nella nostra civiltà: potenziali luoghi per l’insegnamento, non proprio una stanza chiusa funzionale all’apprendimento, allo scambio di informazioni, nozioni e conoscenze.

La ricerca, frutto di una collaborazione tra gli studenti della dell’Università Tecnica di Atene e l’Architectural Association di Londra, raccoglie, seleziona, e mette a confronto questi particolari ambienti all’interno degli edifici accademici definiti come luoghi informali, liberi -freespace appunto- capaci di amplificare la vitalità delle istituzioni: visione utopica di uno spazio, aperto, informale e comune per l’apprendimento.

L’ambizione del progetto è quella di realizzare una scansione del panorama attuale dell’architettura delle università, per estrarre gli spazi “liberi” interessanti e di successo: si parte dai peripatetici e dalla tipologia del teatro greco come ambienti originari di trasmissione del sapere, per arrivare agli attuali corridoi, percorsi e scale che possono diventare luogo per ospitare conversazioni informali e conferenze. Proprio i gradoni  sono gli elementi architettonici che guidano la selezione degli esempi ma anche l’allestimento: una grande cavea su cui poggiano  56 plastici bianchi realizzati uniformemente al plotter 3D. L’interno del padiglione è trasformato in un paesaggio classico -una sorta di scuola di Atene- in cui i modelli sembrano volare, poggiati su sottili piedistalli d’acciaio.

I plastici in mostra sono i nodi di un’ideale griglia che occupa il padiglione nelle tre direzioni dello spazio, classificati per tempo, tipologia, dimensione: dall’Accademia Platonica di Atene, al Carpenter Center di Le Corbusier, all’infinito corridoio del MIT, ai cortili dell’Università di Cambridge, per finire con i vuoti polifunzionali del Rolex Learning Center di SANAA a Losanna.

Spesso, nelle università italiane ci si lamenta della mancanza di aule…

Related Posts

Arabia Saudita Alla sua prima partecipazione, il paese, curato da due donne, indaga gli spazi che...

Spagna “Becoming” illustra una necessaria e radicale fase di trasformazione per il paese con un...

Argentina La Vértigo Horizontal del paesaggio, quello delle sterminate pampas e quello realizzato...

Leave a Reply