Davide Tommaso Ferrando si sofferma sui punti deboli di un’edizione importante e problematica al contempo, per evitarne il rischio di una liquidazione positiva, rapida e indolore.