Il curatore del primo Padiglione del Marocco alla Biennale del 2014 manifesta il suo stupore per la presenza, nella mostra principale di questa edizione, di un “padiglione del Sahara Occidentale”, denunciando «uno sfrontato progetto di propaganda» e «una fantasia pericolosa».