Portogallo

Di Michele Roda  •  Mag 25, 2018 at 9:17am  •  I padiglioni nazionali 2018

Portogallo

In “Public without rhetoric” 12 progetti pubblici dialogano, attraverso un allestimento misurato ed evocativo, con gli spazi di Palazzo Giustinian Lolin

 

Chi riparte da Venezia chiedendosi “Ma l’architettura dov’era? Ma i disegni?”, probabilmente non ha visitato il Padiglione Portogallo. Ci vuole effettivamente una forte motivazione: Palazzo Giustinian Lolin è vicino al Ponte dell’Accademia, sul Canal Grande. Lontano il festoso caos della vernice della 16. Biennale che si respira all’Arsenale e ai Giardini. Ma proprio questa condizione (il Portogallo non ha un suo padiglione) ha permesso di trovare uno straordinario Palazzo veneziano – sede della fondazione Ugo e Olga Levi – i cui spazi non sono banali contenitori ma artefici di un percorso che profuma di eleganza e raffinatezza.

C’è una qualità dell’architettura (12 progetti pubblici selezionati tra quelli realizzati negli ultimi 10 anni; uno di questi è la stazione della metropolitana di Napoli di Siza, Souto de Moura e Figueiredo; tutti i più conosciuti progettisti del paese da Aires Mateus a Byrne) che dialoga con un allestimento tanto semplice quanto delicato ed evocativo. Ogni progetto è raccontato con piccoli modelli colorati ad interpretare atmosfera e identità, sequenze di diapositive (non è un refuso: diapositive tradizionali con tanto di click ad ogni cambio,“Perché si sembravano lo strumento più coerente con il Palazzo”, dice Nuno Brandão Costa che ha curato l’allestimento con Sérgio Mah) e un disegno tecnico esecutivo montato in verticale che ti costringe a girare la testa (“Perché gli architetti di solito archiviano le tavole in questo modo”). Pochi materiali misurati e coerenti (il progettista non ha partecipato all’allestimento, interamente seguito dai curatori) che sanno instaurare un sottile dialogo con pavimenti, tappezzerie e quadri del piano nobile di Palazzo Giustinian Lolin e che rendono ragione dello smithsoniano titolo “Public Without Rhetoric”. Non c’è retorica nemmeno nell’androne al piano terra dove 4 artisti interpretano i 12 progetti attraverso dei video: anche questi eleganti, silenziosi, inappuntabili.

Le sedi della Biennale sono lontane ma se “freespace” significa progetto architettonico al centro e identità collettiva, casa sua è qua, a casa Portogallo, sulle rive del Canal Grande.

Related Posts

Alla sua prima partecipazione, il paese, curato da due donne, indaga gli spazi che stanno in mezzo...

"Becoming" illustra una necessaria e radicale fase di trasformazione per il paese con un padiglione...

La Vértigo Horizontal del paesaggio, quello delle sterminate pampas e quello realizzato dall’uomo...

Leave a Reply