Riceviamo e pubblichiamo una riflessione sulle scelte curatoriali della Biennale di Venezia 2021