Argentina

Di Laura Milan  •  Mag 26, 2018 at 5:03pm  •  I padiglioni nazionali 2018

Argentina

La Vértigo Horizontal del paesaggio, quello delle sterminate pampas e quello realizzato dall’uomo dopo il 1983, sono al centro di un padiglione suggestivo che si espande ben oltre i suoi confini fisici

 

“… la più frequente tra tutte quelle espressioni, che troviamo succeda quel che succeda e costi quel che costi, è la famosa definizione di La Rochelle: la pampa: vertigine orizzontale” (El río sin orillas, Juan José Saer).

Curata da Javier Mendiondo, Pablo Anzilutti, Francisco Garrido e Federico Cairoli, la partecipazione dell’Argentina alla 16. Biennale parte da qui per addentrarsi in un freespace fisico, metaforico e politco che restituisce un territorio come costruzione collettiva in cui dialogano il paesaggio e l’ambiente costruito.

In un allestimento minimale e d’effetto, assoluta protagonista è una grande teca di vetro che, circondata da un buio quasi totale, riesce a immergere il visitatore nella “Vértigo Horizontal” di un tipico paesaggio rurale argentino. Proiezioni, luci, ripetizioni e le riflessioni di un suggestivo gioco di specchi attivano i sensi dello spettatore: con l’accompagnamento del rumore di una pioggia temporalesca (che riesce anche a rinfrancare il visitatore spossato dal caldo umido veneziano), lo spazio è amplificato e la dritta linea dell’orizzonte si estende al di là dei confini fisici della teca e diventa infinita. Ai lati, il susseguirsi dei progetti è presentato dentro due strisce continue retroilluminate che, perfettamente allineate alla linea d’orizzonte, diventano vere e proprie fughe di una prospettiva centrale che convergono all’infinito.

I progetti, illustrati da schizzi commentati da didascalie essenziali, sono legati da un fil rouge che rende il freespace reale e metaforico al tempo stesso. Espongono un catalogo ragionato di 46 esempi realizzati di rinnovamento che a partire dal 1983, anno di ripristino della democrazia nel paese, hanno cercato d’infondere spirito democratico e principi di uguaglianza attraverso l’architettura e l’urbanistica, ridisegnando spazi pubblici e collettivi e realizzando musei, centri culturali e sociali e università. Troviamo così progetti di Clorindo Testa e Rafael Iglesia ma anche di molti altri progettisti meno noti alle nostre latitudini.

Nonostante l’impostazione del progetto e i suoi contenuti approccino il tema suggerito da Yvonne Farrell e Shelley McNamara in modo non particolarmente originale, è un padiglione che merita di essere visto (anche solo per sfuggire alla calura).

 

Related Posts

Alla sua prima partecipazione, il paese, curato da due donne, indaga gli spazi che stanno in mezzo...

"Becoming" illustra una necessaria e radicale fase di trasformazione per il paese con un padiglione...

"Thoughts Form Matter" - I contributi dei tre studi (Henke Schreieck, LAAC, Sagmeister & Walsh),...

Leave a Reply