Germania

Di Michele Roda  •  Mag 24, 2018 at 8:30pm  •  I padiglioni nazionali 2018

Germania

Unbuilding Walls. From Death Strip to Freespace

 

I muri dividono e rompono la continuità. Non realizzano un “freespace”, ma esattamente il contrario: 2 realtà contrapposte. E la vicenda tedesca lo ha dimostrato con il più tremendo muro della recente storia europea. Ma è proprio il Padiglione tedesco alla 16. Biennale – 28 anni dopo il 1989 – che prova a fornire nuove e alternative dimensioni e direzioni.

Entri nel padiglione dei Giardini e l’atmosfera completamente bianca è interrotta da alti pannelli neri che ti accolgono. Sembra un’installazione b/n, rigida e muta come solo un muro può essere. “Ma non sono muri, sono frammenti”, è l’avvertimento dei curatori: un gruppo interdisciplinare composto da Graft Architects (Lars Krückeberg, Wolfram Putz e Thomas Willemeint) insieme ad una politica, Marianne Birthler. Solo entrando nella foresta di muri e girando lo sguardo si può cogliere la ragione della presenza tedesca a Venezia.

Lo stesso titolo – Unbuilding Walls. From Death Strip to Freespace – spiega efficacemente approcci e obiettivi: l’architettura è qui intesa come uno strumento per capire cosa succede nella società e può aiutare a mitigare le situazioni di conflitto. È possibile demolire fisicamente i muri ma le loro ombre (rappresentate da inserti neri sul pavimento) spesso restano e impattano più a lungo. In Germania, ma non solo lì, alcuni processi si presentano così nella loro difficoltà: e il lato B del padiglione li racconta attraverso una serie di casi-studio che vengono comunicati con pannelli (colorati questi, a costruire una sensazione di contrasto, anche se non particolarmente suggestivi o innovativi nel linguaggio con cui sono composti) e video in cui alcune persone (“perché alcuni progetti sono sviluppati dalle persone, non dagli architetti”) parlano di muri e di nuovi possibili orizzonti.

Nell’abbastanza ricco catalogo di casi (sviluppati grazie a un gruppo di giornalisti che ha viaggiato alcuni mesi in tutto il mondo alla ricerca di muri e confini), 4 progetti esemplari contribuiscono a trasmettere la complessità del tema: sono Axel Springer Campus a Berlino (dove OMA raccoglie e attualizza i fili della storia e dell’architettura, intrecciandoli con la narrazione della divisione della Germania), Checkpoint Charlie (l’immagine più potentemente simbolica della Guerra Fredda e uno dei più visitati luoghi berlinesi, a testimonianza del fatto che persiste un fortissimo desiderio di esperienze dirette), il percorso dell’Iron Curtain Trail cycle route (sull’ex confine occidentale con i paesi aderenti al Patto di Varsavia, che corre per 1.000 km attraversando 20 diversi paesi) e i cosiddetti “villaggi deserti” (una zona dell’ex Germania est in cui, nel 1953 e nel 1961, il partito socialista spostò forzatamente più di 11.000 persone che vivevano nei villaggi sul confine, dall’oggi al domani senza preavviso).

Qui il Padiglione Germania, con un allestimento rigoroso e molto chiaro, focalizza il messaggio della propria Biennale: lo spazio non esiste senza muri ma per liberare lo spazio serve demolire alcune parti dei muri stessi, costruendo così nuove geografie.

www.unbuildingwalls.de

Related Posts

Alla sua prima partecipazione, il paese, curato da due donne, indaga gli spazi che stanno in mezzo...

"Becoming" illustra una necessaria e radicale fase di trasformazione per il paese con un padiglione...

La Vértigo Horizontal del paesaggio, quello delle sterminate pampas e quello realizzato dall’uomo...

Leave a Reply